Vai al contenuto

Il segreto del pettirosso, di Elisa Puricelli Guerra, Salani

16 febbraio 2021

Impossibile non rimanere stregati dal carattere e dal temperamento di Zelda, che per non cadere dentro il Dimenticatoio (Posto orribile dove vanno a finire le ragazzine che scivolano nell’ombra dietro al letto) decide di emanciparsi e affermare la propria indipendenza da una famiglia che la vorrebbe docile e di buone maniere.

Tutto ha inizio con il ritrovamento in biblioteca di un diario segreto, che racconta tra le sue pagine, il coraggio di Alice, una giovane ragazza fuggita di casa per aiutare Giuseppe Garibaldi. Incuriosita e determinata a scoprire chi si cela dietro la figura di Alice, Zelda si identifica in quella intrepida ragazza e ne vuole ripercorrere le gesta. 

Ne ha l’occasione quando il paese vicino è sconvolto da una serie di strani furti. Ora è tutto chiaro: quello che deve fare è vestire i panni del detective, smascherare il colpevole e ottenere la ricompensa di 500 sterline che la renderà finalmente libera. 

Altrettanto speciali gli altri personaggi del romanzo, come l’austera Nonna Lina, che gestisce da sola la tenuta di Rocca Strana senza permettere a nessuno di intromettersi negli affari di famiglia. Il Maulino, anziano giardiniere e affidabile complice di Zelda, custodisce un segreto che non può essere svelato. I suoi ricordi di garibaldino raccontano l’unità d’Italia e l’impresa dei Mille. 

Per non parlare di Leggero, personaggio straordinario, forte e fragile allo stesso tempo, insostituibile compagno di avventura di Zelda. 

Insieme si daranno sostegno alla scoperta della verità che rende liberi. 

Sono tanti altri i personaggi che si incontrano nello sviluppo della narrazione, in un intreccio ben assortito di storie parallele, ciascuna capace di regalarci un’intesa emozione. 

Un romanzo, mai scontato, che invita tutti a lottare per affrancarsi dalle catene che ci imprigionano, che siano la povertà, la violenza subita, l’abbandono o l’etichetta di una condizione sociale. [Roberta Pettinella, Il soffiasogni, Albano Laziale]

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: